NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand

Reporting the underreported about the plan of action for People, Planet and Prosperity, and efforts to make the promise of the SDGs a reality.
A project of the Non-profit International Press Syndicate Group with IDN as the Flagship Agency in partnership with Soka Gakkai International in consultative status with ECOSOC.


SGI Soka Gakkai International

 

Il rapporto della Campagna dell'ONU sul Femminismo chiede al capo delle Nazioni Unite di passare dalle parole ai fatti

Di J C Suresh

WASHINGTON, D.C. (IDN) — "Parlare meno, agire di più... Le parole sono come piume al vento", ha commentato un relatore del rapporto della Campagna dell'ONU sul Femminismo sull'impegno del Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres per l'uguaglianza di genere nel suo primo mandato quinquennale.

In effetti, informatori chiave hanno riferito che il personale è rimasto deluso dalla "cultura macho dell'impunità" delle Nazioni Unite, è profondamente diffidente nei confronti dei meccanismi di segnalazione e di giustizia del sistema e teme ritorsioni. Inoltre, il processo a porte chiuse per la selezione del nuovo Direttore Esecutivo delle Nazioni Unite per le Donne, Sima Sami Bahous, è considerato un importante passo falso da parte del Segretario Generale verso una trasformazione femminista.

La Campagna spinge affinché il Capo delle Nazioni Unite si impegni per un'agenda più completa e progressista durante il suo secondo mandato, 2022-2026. Dovrebbe essere un'agenda che centralizzi l'intersezionalità, difenda i diritti umani, agisca sul cambiamento strutturale e sistemico e promuova il genere in tutto il sistema delle Nazioni Unite

Il rapporto della Campagna sull'impegno di Guterres per l'uguaglianza di genere nel quinto anno del suo primo mandato, osserva che, dopo aver misurato il miglioramento nel 2020, la valutazione del Capo delle Nazioni Unite è diminuita da una "B" a una "B-" nel 2021.

La Campagna dell'ONU sul Femminismo ha elaborato una visione femminista per le Nazioni Unite nel 2016 e ha valutato il Segretario Generale in base ai suoi adempimenti nei confronti di tale visione negli ultimi cinque anni. Dal 2017, la pagella ha misurato fino a che punto il Segretario Generale ha progredito in sei aree prioritarie per un sistema delle Nazioni Unite più equo in termini di genere.

  1. Articolazione e implementazione di un'agenda di leadership femminista
  2. Garanzia dell'implementazione femminista e della responsabilità per gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS)
  3. Finanziamenti per la parità di genere
  4. Parità e tutela dei diritti
  5. Abilitazione di una trasformazione femminista per CSW e UN Women
  6. Promozione della libertà di informazione nel sistema delle Nazioni Unite

"Il rapporto sul Femminismo nelle Nazioni Unite dimostra come un'analisi attenta e un esame collettivo e ponderato possano tracciare un percorso verso un'ONU più femminista. La pagella svolge un ruolo importante per la società civile, alzando la voce e forzando l'istituzione e la sua leadership a rendere conto della significativa uguaglianza di genere nei suoi ranghi e nel suo lavoro", ha affermato Sarah Gammage, revisore della relazione e direttrice delle politiche per l'America Latina presso The Nature Conservancy.

Quest'anno, le prestazioni del Segretario Generale sono diminuite considerevolmente in quattro delle sei priorità stabilite dalla Campagna: (1) Articolazione e implementazione di un'agenda di leadership femminista (2) Garanzia dell'implementazione femminista e della responsabilità per gli OSS (4) Parità e tutela dei diritti (5) Abilitazione di una trasformazione femminista per CSW e UN Women. Nel frattempo, vi è stato un certo miglioramento in (3) Finanziamenti per l'uguaglianza di genere e (6) Promozione della libertà di informazione nel sistema delle Nazioni Unite.

Gli autori del rapporto della Campagna hanno riscontrato che i temi generali includevano una mancanza di responsabilità sistemica, una trasparenza incoerente con le informazioni e l'accesso e una comprensione limitata o una spinta all'intersezionalità nelle iniziative di genere.

Per quanto riguarda il punto "Articolazione e implementazione di un'agenda di leadership femminista", il Segretario Generale ha fatto bene a ribadire l'importanza del genere. Tuttavia, le sue richieste sono prive di impegni attuabili o responsabilità al di là dei progressi verso la parità di genere. Utilizza un linguaggio che privilegia la protezione delle donne, in contrapposizione alla loro autonomia, partecipazione e consultazione attiva nella progettazione e nell'implementazione delle soluzioni.

Inoltre, nei discorsi di Guterres del 2021 mancavano in gran parte riferimenti a ragazze adolescenti, diritti LGBTQIA+, disabilità e molestie. La Campagna vuole che il Segretario Generale affini la sua analisi femminista intersezionale e promuova una comprensione dell'intersezionalità in tutto il sistema delle Nazioni Unite, in modo che diventi una considerazione chiave nelle politiche, nei programmi e nelle decisioni di leadership.

Gli attuali risultati per l'integrazione di genere in tutti gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS), obiettivi fissati dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2015, sono stati minimi, nel migliore dei casi, e l'attuazione e la responsabilità per quanto riguarda l'OSS 5, che si concentra specificamente sulla parità di genere, è stata limitata, nota il rapporto.

Dei 18 indicatori utilizzati per raccogliere dati sui progressi compiuti a livello nazionale verso l'OSS 5, solo due dispongono di dati sufficienti per valutare i progressi compiuti nel tempo in tutti i paesi. Il Segretario Generale deve spingere gli Stati membri ad accelerare i progressi per raccogliere i dati necessari per tenere traccia di tutti gli indicatori degli OSS, dichiara il rapporto.

Sui temi della protezione dei diritti e di una trasformazione femminista per la CSW (Commissione sullo status delle donne) e UN Women, c'è stata una preoccupante mancanza di responsabilità e trasparenza nel 2021. I progressi si sono arenati sulla risposta alle molestie sessuali, allo sfruttamento e all'abuso nel sistema delle Nazioni Unite.

Il punteggio di Guterres è aumentato nel finanziamento per l'uguaglianza di genere e la libertà di informazione a causa dell'applicazione del sistema di indicatori della parità di genere a fondi aggiuntivi e sforzi collettivi per promuovere l'accesso a dati, risorse e riunioni attraverso piattaforme virtuali.

"La nostra analisi del 2021 mostra che, mentre il Segretario Generale Guterres ha fatto progressi, molto di più deve essere fatto per promuovere un sistema ONU veramente trasformativo, progressista e femminista. Nel suo secondo mandato, ci aspettiamo che Guterres attui politiche che promuovano ulteriormente l'uguaglianza di genere, l'intersezionalità e l'accesso della società civile e che sia un paladino inequivocabile dei diritti umani", ha affermato Spogmay Ahmed, Senior Global Policy Advocate presso l'International Center for Research on Women. [IDN-InDepthNews – 09 marzo 2022]

Credito immagine: 'You Move Campaign'

Newsletter

Striving

Striving for People Planet and Peace 2021

Mapting

MAPTING

Partners

SDG Media Compact


Please publish modules in offcanvas position.