NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand

Reporting the underreported about the plan of action for People, Planet and Prosperity, and efforts to make the promise of the SDGs a reality.
A project of the Non-profit International Press Syndicate Group with IDN as the Flagship Agency in partnership with Soka Gakkai International in consultative status with ECOSOC.


SGI Soka Gakkai International

 

COVID-19: Bufale, scandali e buone notizie perseguitano l'Africa

Di Lisa Vives, Global Information Network

NEW YORK (IDN) – Recentemente in Senegal, una nuova industria di controllo della veridicita' dei fatti ha messo le mani su un falso post nei social media che affermava che i bambini "stavano morendo di colpo" a causa dei vaccini contro il corona virus.

Il post, intitolato "Scandalo in Senegal", è stato condiviso migliaia di volte su Facebook anche se i verificatori insistevano sul fatto che fosse una bufala.

"C'è un grande scandalo in Senegal", diceva lo spot fuorviante in un video di Facebook in Wolof. “C'è un uomo che è entrato in una casa per vaccinare i bambini per il corona virus. Ha vaccinato sette bambini che sono morti di colpo."

Ma quando i verificatori hanno esaminato la questione, la storia è andata rapidamente in pezzi. Alassane Mbodji, che vive nella casa vista nel video, ha fortemente negato che qualsiasi bambino fosse morto. "Tutto ciò che è stato detto sui social network è falso," ha affermato con fermezza. “Nessuno è morto per alcun vaccino. I nostri figli stanno bene … un individuo si presentò come un agente del Ministero della Salute, ma ci rendemmo presto conto che non lo era. Non aveva un distintivo e aveva in vendita nella sua borsa medicinali cosmetici tradizionali."

Mbodji lo riferì alle autorità e la faccenda era finita li', ma il pettegolezzo ha raccolto la storia e l'ha diffusa. Instagram ha raccolto il post da un account chiamato "bye_bye_big_pharma" in cui si afferma che "il vaccino CV testato su pazienti in Africa è stato approvato senza studi sulla sicurezza degli animali. 7 bambini sono morti sul posto dopo l'iniezione."

Da lì, la storia è apparsa in Ghana su ezone57.com, che riportava il video sotto il titolo: "Corona virus: il vaccino COVID-19 ha ucciso 7 bambini in Senegal (Africa occidentale) [VIDEO]." Quel post ha suscitato una notevole attenzione e il suo titolo è apparso negli screenshot su Facebook, prima che il sito web riprendesse la storia e pubblicasse lo smascheramento del falso.

Una portavoce del ministero della salute del Senegal ha smantellato la storia che aveva sollevato paura nella popolazione. Prima di tutto ha sottolineato che non esiste alcun vaccino. "Abbiamo esperti medici presso l'Istituto Pasteur (un istituto di ricerca medica) a Dakar che lavorano per creare e certificare un vaccino secondo la procedura. Saranno completamente trasparenti sulle loro scoperte."

Non esiste attualmente alcuna sperimentazione clinica in quel paese o in qualsiasi parte dell'Africa, secondo un elenco di candidati vaccinali compilato per la rivista scientifica Nature Reviews Drug Discovery. A partire dall'8 aprile, c'erano 115 candidati in tutto il mondo – e mentre 78 sono stati confermati come operativi, solo cinque sono in fase di sperimentazione clinica. Quei cinque processi stanno avvenendo negli Stati Uniti e in Cina.

La storia segue un vero rapporto allarmante di due stimati scienziati francesi che dichiarano che l'Africa sarebbe un buon banco di prova per potenziali vaccini. I loro commenti sono stati immediatamente denunciati dall'Organizzazione mondiale della sanità.

Africa Check, che afferma di separare i fatti dalla finzione, ha anche esaminato la questione e verificato la falsa affermazione, ovvero che la Cina stava inviando i vaccini contro il corona virus in Africa. Hanno trovato che questa affermazione era falsa.

Secondo l'ambasciata cinese in Ghana, la Cina ha donato dispositivi di protezione individuale medica come maschere per il viso N95, tute protettive mediche, occhiali protettivi, guanti e termometri per l'arteria temporale. Le forniture donate non includevano i vaccini e, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, attualmente non esiste un vaccino per Covid-19.

Un altro post di Facebook che diffonde disinformazioni ha affermato che le maschere per il viso "dovrebbero essere utilizzate per un tempo limitato poiché riducono l'ossigeno nel sangue e nel cervello, causano debolezza e possono portare alla morte."

La disinformazione e le bufale vengono regolarmente raccolte da Africa Check, un'organizzazione indipendente di controllo dei fatti che ha ampliato il numero delle lingue delle bufale a 10.

Noko Makgato, direttore esecutivo di Africa Check, afferma che questo ampliamento aiuta a garantire che la disinformazione in lingue diverse dall'inglese e dal francese possa essere identificata e respinta.

Parlando ad un discorso alla Nazione notturno, il 10 maggio, il presidente Nana Akufo-Addo ha rivelato che un singolo lavoratore in una fabbrica di pesce del posto ha infettato 533 collaboratori, portando il numero totale di infezioni a 4.700, il numero più alto in Africa occidentale.

Un evento super spargitore è un grande cluster di infezione COVID-19. L'ultima infezione fa parte di un arretrato di circa due settimane dei quasi 1.000 casi che erano appena stati riportati, ha detto il presidente.

Circa 22 persone sono morte per cause correlate al corona virus, mentre 494 sono guarite.

Ci sono due grandi impianti di trasformazione del pesce a Tema, uno di proprietà del Thai Union Group PCL, il primo produttore mondiale di tonno in scatola, e un altro di proprietà di un'azienda locale chiamata Cosmo Seafoods Company Ltd.

Abraham Koomson, capo della Federazione del lavoro del Ghana, ha affermato che i 533 casi si sono verificati nello stabilimento Pioneer Food Cannery Limited della Thai Union e che la struttura era stata chiusa. Ha detto che anche una manciata di lavoratori di Cosmo Seafoods si è dimostrata positiva.

Con 160,501 test dallo scoppio  dell'epidemia, il Ghana ha effettuato più test per milione di persone rispetto a qualsiasi altro paese in Africa, ha affermato il presidente.

Il governo ha adottato una strategia di "pool testing", che prevede la revisione collettiva di un massimo di 10 campioni per volta per poi testare individualmente solo quelli dei lotti positivi.

Ma a seguito dell'aumento dei test, il numero di casi del Ghana continuerà a salire al di sopra delle attuali 4.700 infezioni confermate in un  paese di 30 milioni di persone.

"Più persone testiamo per il virus, più persone scopriremo come positive," ha detto il Presidente.

Il discorso del presidente Akufo-Addo è arrivato tre settimane dopo aver allentato un lockdown di 21 giorni della capitale Accra e della città di Kumasi, nel centro del paese, per le preoccupazioni sulle ripercussioni economiche per i molti ghanesi che lavorano nell'economia informale e vivono alla giornata.

Il divieto del Ghana di raduni di massa e la chiusura di scuole e università continuerà fino alla fine del mese, ha affermato.

Nel frattempo, Veronica Bekoe, un funzionario della sanità pubblica ghanese, ha viaggiato in tutto il paese introducendo le persone alla sua invenzione, chiamata Veronica Bucket. Un recipiente di plastica delle dimensioni di un bidone della spazzatura che consente alle persone di lavarsi le mani in assenza di acqua corrente.

Le economie in rovina in Asia sono state una benedizione – seppur temporanea per le foreste in pericolo di estinzione della Sierra Leone – in particolare gli alti spalti di sequoie, apprezzati per la loro bellezza, il loro ricco colore mogano e la loro alta qualità per i mobili.

Il commercio illegale di legname è una delle attività più redditizie del mondo e colpisce gran parte del sud-est asiatico e parti dell'Africa e del Sud America. Quando la domanda ha iniziato ad aumentare nell'Africa occidentale intorno al 2010, le esportazioni sono passate da zero a centinaia di milioni di dollari in pochi anni.

Nell'ultimo decennio, circa 9 miliardi di dollari di palissandro sono stati importati in Cina e ciò rappresenta solo il legno ufficialmente elencato come palissandro, che esclude molte specie vendute come "palissandro" ma non registrate come tali.

Ma ora la contrazione dell'economia cinese ha messo in pausa il disboscamento illegale nel parco nazionale di Outamba-Kilimi più di 1.100 km quadrati di parco protetto da 27 rangers disarmati.

Il taglio ed il trasporto per uso domestico è consentito, ma il governo afferma che l'accesso nel parco va ben oltre ciò che è necessario per soddisfare la domanda domestica e non ha le risorse per fermarlo.

"Sento dolore nel mio cuore quando vedo tagliare questa foresta," ha detto Musa Kamara, che ha lavorato come guardia forestale nel parco dal 1981 al 2018. "Questa malattia è l'unica cosa che li tiene lontani."

In uno sviluppo correlato, la Nigeria sta affrontando la vita senza entrate petrolifere poiché i prezzi del petrolio, ora intorno ai $ 20 al barile, sono già scesi a zero.

"Gli sforzi globali per combattere la diffusione del corona virus hanno portato i prezzi del petrolio a un livello cosi' basso che non coprono più il costo del pompaggio dei barili ... figuriamoci nel fornire al governo liquidità cruciali," ha scritto il notiziario Bloomberg.

Gli ambientalisti nigeriani dovrebbero incoraggiare questo nuovo sviluppo. Il loro slogan è stato "Mantieni il petrolio nel terreno, tieni il carbone nella buca." [IDN-InDepthNews - 14 maggio 2020]

Foto: collage con immagini del Ghana e della Sierra Leone.

Newsletter

Striving

Striving for People Planet and Peace 2020

Mapting

MAPTING

Fostering Global Citizenship

Partners

SDG Media Compact


Please publish modules in offcanvas position.