NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand

SDGs for All

SDGs for All is a joint media project of the global news organization International Press Syndicate (INPS) and the lay Buddhist network Soka Gakkai International (SGI). It aims to promote the Sustainable Development Goals (SDGs), which are at the heart of the 2030 Agenda for Sustainable Development, a comprehensive, far-reaching and people-centred set of universal and transformative goals and targets. It offers in-depth news and analyses of local, national, regional and global action for people, planet and prosperity. This project website is also a reference point for discussions, decisions and substantive actions related to 17 goals and 169 targets to move the world onto a sustainable and resilient path.

I kenioti innovativi nella ricerca di soluzioni per combattere il COVID-19

Di Justus Wanzala

BUSIA, Kenya (IDN) –  È un caldo pomeriggio in una stazione degli autobus al centro del mercato di Mungatsi, nella sub-contea di Nambale, nella contea di Busia, nel Kenya occidentale. Molte persone, un gran numero di loro viaggiatori, fanno la fila per lavarsi le mani. Ogni persona mantiene una distanza dall'altra mentre si lavano le mani e salgono a bordo dei veicoli di servizio pubblico diretti verso le loro varie destinazioni.

Lavarsi le mani prima di salire a bordo dei veicoli di servizio pubblico e mantenere la distanza sociale sono nuove pratiche che i kenioti sono costretti ad osservare. Sono state dichiarate obbligatorie dalle autorità sanitarie come misura di sicurezza per contenere la diffusione di COVID-19.

Tuttavia, una rapida occhiata a come si stanno lavando le mani rivela qualcosa di nuovo. I passeggeri si stanno lavando le mani usando un'attrezzatura per l'igiene che ha i pedali che, se premuti con una gamba, espellono l'acqua da un secchio su un supporto di metallo e sapone liquido direttamente sulle loro mani. Ciò consente loro di lavarsi le mani senza toccare nessuna parte dell'attrezzatura. 

L'attrezzatura è un'innovazione di due giovani della contea. Hanno improvvisato il dispositivo per consentire alle persone di lavarsi le mani in sicurezza. I due, Bernard Dindi e Christopher Butsunzu, non hanno una formazione tecnica se non quella delle scuole superiori. Dicono di essere stati motivati a progettare il dispositivo dopo aver notato le sfide legate al mantenimento dell'igiene in seguito allo scoppio del COVID-19.

Hanno quindi fatto ricerche su Internet per sviluppare un dispositivo di lavaggio delle mani che potesse aiutare a frenare la diffusione del coronavirus.

Mentre lavoravano alla loro idea, il paese stava assistendo a un forte aumento delle infezioni poco dopo la conferma del primo caso del 13 marzo 2020. In effetti, i tassi di infezione avevano continuato a crescere esponenzialmente raggiungendo, il 21 aprile 2020, il numero di 296 infetti e di 74 guarigioni.

Il duo ribadisce che il dispositivo riduce il rischio che devono affrontare le persone che usano i normali disinfettanti. “Normalmente, quando le persone si lavano o disinfettano le mani, devono toccare le bottiglie di disinfettante e i rubinetti dell'acqua. Abbiamo visto il pericolo che avrebbero affrontato di contrarre e diffondere il virus," hanno spiegato.

Durante l'utilizzo del dispositivo, si preme solo il primo pedale situato sotto la macchina e il liquido igienizzante esce e quindi si preme il secondo pedale per far scendere l'acqua.

Dindi afferma di aver deciso di posizionare il primo dispositivo nel parcheggio degli autobus del centrale mercato locale affinché il pubblico potesse utilizzarlo gratuitamente perché si rendevano conto che l'area era frequentata da molte persone che avrebbero rischiato di contrarre l'infezione. "È un'area ad alto traffico umano ed è per questo che abbiamo pensato che l'attrezzatura sarebbe stata utile," afferma Dindi.

Aggiunge che molte persone lo trovano facile da usare.

“Lo uso quotidianamente da quando è stato installato. Lo trovo comodo da usare," afferma Anne Nekesa, una commerciante del mercato di Mungatsi.  “Ci siamo divertiti dalla tecnologia sviluppata da questi giovani. È veramente ammirevole e ne siamo molto felici. Ci sentiamo piu' sicuri nel lavarci le mani," afferma John Wandera, un conducente di autobus.

I giovani affermano che i dispositivi sono costati loro almeno diecimila scellini kenioti (100 USD) e diversi giorni per realizzarli.

Sostenuti dalla risposta positiva degli utenti, intendono farne di più e distribuirli in tutto il paese.

"Siamo appena riusciti a farne alcuni a causa delle risorse limitate. Ma se abbiamo garantito il sostegno finanziario, ne faremo di più," sottolineano.

Sia i pubblico che i funzionari della contea hanno accolto favorevolmente il dispositivo.

Il funzionario della contea per la salute e l'igiene di Busia, Isaac Omeri, accoglie favorevolmente il dispositivo sottolineando che aiuterà molto nella guerra contro il COVID-19, “Questa è un'apparecchiatura unica che riduce al minimo le possibilità di contrarre il virus mentre ci si lava e igienizza le mani," osserva.

Ha già acquistato sei dispositivi, che verranno utilizzati in vari uffici sanitari della contea.

In effetti, poiché il Kenya ha messo in atto misure per contenere la diffusione del COVID-19, l'innovazione sembra avere un percorso preferenziale.

All'inizio di aprile, la Kenyatta University, con sede vicino alla capitale del Kenya, Nairobi, ha annunciato di aver sviluppato un ventilatore in grado di salvare la vita delle vittime del coronavirus.

I ventilatori sono apparecchiature cruciali per i pazienti con coronavirus che sviluppano difficoltà respiratorie. Sfortunatamente, sono solo una manciata in Kenya.

Di conseguenza, gli studenti universitari hanno escogitato un prototipo chiamato Tiba Vent (Tiba è la parola swahili per terapia).

Circa 16 studenti di diverse facoltà hanno sviluppato il prototipo, un'unità cubica costituita da parti in plastica rigida argentata con tubi che sono collegati a una bombola di ossigeno in entrata e altri due tubi che distribuiscono l'aria in uscita. E' inoltre collegata al monitor di un computer. Il vice cancelliere dell'università, Paul Wainaina, ha affermato che l'università potrebbe produrre 50 ventilatori a settimana.

Inoltre, il Kenya Medical Research Institute (KEMRI) ha anche iniziato a produrre kit di test rapidi COVID-19 all'inizio di aprile per accelerare i test di COVID-19. L'istituto dispone di un'unità di produzione in grado di realizzare kit di test diagnostici e disinfettanti per le mani.

Diverse aziende stanno anche realizzando maschere che saranno usate sia dal personale medico sia dal pubblico, nonché dispositivi di protezione individuale (DPI), che fino ad alcuni mesi fa venivano importati.

Inoltre, il governo ha messo in atto una poliedrica strategia di contenimento del COVID-19 che comporta una caterva di misure. Ha intensificato la sorveglianza in tutti i punti di ingresso, strutture sanitarie e comunità in tutto il paese. Ha impedito alle persone di viaggiare fuori e dentro quattro delle 47 contee dello stato e ha avviato test di massa mirati in aree con un alto numero di incidenza del COVID-19.

Anche il pubblico e' stato incoraggiato a rimanere vigile dato che il rischio è ancora elevato e hanno consigliato di continuare ad adottare misure precauzionali mantenendo l'igiene personale e respiratoria, pratiche alimentari sicure, mantenendo le distanze sociali ed evitando lo stretto contatto con le persone che soffrono di Infezioni respiratorie acute.

Nel frattempo, indossare maschere nei luoghi pubblici è stato dichiarato obbligatorio mentre tutte le istituzioni di apprendimento sono state chiuse. Sono inoltre vietati gli incontri pubblici e privati che coinvolgono assembramento di persone.

Il Kenya ha già assegnato due miliardi di scellini (200 milioni di dollari) per la lotta contro il COVID-19. Centri per la gestione dei pazienti sono stati istituiti anche in tutte le 47 contee del paese, sebbene molti si trovino ad affrontare la sfida dell'attrezzatura necessaria. [IDN-InDepthNews - 27 aprile 2020]

Foto: un passeggero si lava le mani usando il nuovo dispositivo prima di salire a bordo di un veicolo di servizio pubblico presso il Muangatsi Market Center Bus Stage, nella contea di Busia, in Kenya. Credito: Kevin Wafula.

Striving

Striving for People Planet and Peace 2019

Mapting

MAPTING

Fostering Global Citizenship

Partners

SDG Media Compact


Please publish modules in offcanvas position.