NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand

Reporting the underreported about the plan of action for People, Planet and Prosperity, and efforts to make the promise of the SDGs a reality.
A project of the Non-profit International Press Syndicate Group with IDN as the Flagship Agency in partnership with Soka Gakkai International in consultative status with ECOSOC.


SGI Soka Gakkai International

 

La società civile e' pronta per la pace intra-afgana

Di Bernhard Schell

DOHA | KABUL (IDN) - Donne, giovani, leader di comunità e religiosi in Afghanistan hanno sempre desiderato ardentemente la pace e si preparavano seriamente per essa molto prima che gli Stati Uniti firmassero un accordo storico con i talebani il 29 febbraio.

L'accordo prepara il terreno per porre fine alla più lunga guerra americana, che si protrae da oltre 18 anni, e consente al presidente Donald Trump di iniziare il promesso ritiro delle truppe americane. Le forze statunitensi e i loro alleati sono presenti in Afghanistan dal 2001.

Una serie di eventi, organizzati dalla Missione di Assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (UNAMA), nel 2019 e 2020 sono rivolti a favorire la pace ed a facilitare la partecipazione di considerevoli fasce della popolazione nel processo decisionale. I risultati di questi sforzi dovrebbero fare molta strada quando i negoziati intra-afghani inizieranno a Kabul il 10 marzo.

Il capo dell'UNAMA, Tadamichi Yamamoto, rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per l'Afghanistan, ha dichiarato dopo la firma dell'accordo talebano/USA nella capitale del Qatar Doha: "Tutte le parti interessate devono ora cercare di compiere passi genuini e concreti per la fine della guerra".

A New York, il portavoce del capo delle Nazioni Unite Stéphane Dujarric ha affermato che il segretario generale António Guterres ha ribadito "l'impegno delle Nazioni Unite a sostenere il popolo e il governo dell'Afghanistan".

Guterres ha espresso l'auspicio che le "aspirazioni profonde del popolo afghano per la pace" vengano realizzate attraverso un processo guidato dall'Afghanistan inclusivo della partecipazione significativa delle donne e dei giovani.

Sono davvero pronte a partecipare. Un incontro sul ruolo delle donne in pace ha adottato una dichiarazione il 13 gennaio, intitolata "Le donne come pioniere di pace", in cui si chiede il coinvolgimento e la partecipazione sostanziali delle donne nel portare la pace in Afghanistan.

Nel corso della giornata l'evento sostenuto dall'UNAMA, che si è tenuto a Herat, la capitale della provincia occidentale, ha riunito circa 100 donne attiviste, capi di governo e rappresentanti della società civile di tutta la regione. Le discussioni si sono incentrate sulle raccomandazioni formulate di oltre 1.000 donne, comprese quelle di Badghis, Ghor, Farah e Herat, in seguito all'intero anno di consultazioni  su pace e sicurezza.

I partecipanti, che includevano il governatore di Herat, Abdul Quayom Rahimi e il suo vice, Monesa Hassanzadeh, hanno riaffermato un appello affinché le donne prendessero il centro della scena e che si assicurassero che il loro ruolo e i loro diritti fossero adeguatamente riflessi e salvaguardati negli sforzi di pace, nonché in qualsiasi accordo successivo.

"Senza donne nel processo di pace, non c'è pace", ha detto Rahimi ai partecipanti.

Il membro del parlamento afghano Massouda Karokhi ha esortato le donne ad essere coraggiose. "Chiedo a tutte le donne di non perdere questa occasione e di alzarsi per partecipare al processo di pace, siate coraggiose".

Il ruolo cruciale che i giovani possono svolgere nella promozione della pace, della sicurezza e della stabilità in Afghanistan è stato rafforzato dagli eventi sostenuti dalle Nazioni Unite nel nord-est nel 2019, consentendo a centinaia di giovani di far sentire la propria voce su alcune delle questioni più urgenti del paese.

In una serie di eventi organizzati dall'ufficio regionale dell'UNAMA a Kunduz, i giovani di tutta la regione si sono riuniti per discutere il loro ruolo nella costruzione della pace nelle loro comunità e hanno parlato di come poter partecipare in modo più sostanziale all'agenda per lo sviluppo dell'Afghanistan.

Nelle discussioni ad ampio raggio di ciascuno degli eventi, i partecipanti non solo hanno riconosciuto il potenziale dei giovani come potenti agenti del cambiamento nella prevenzione e risoluzione dei conflitti, ma hanno anche sottolineato l'importanza di coinvolgere i giovani in tutti gli sforzi di pace e nei processi decisionali nazionali .

"Gli sforzi di pace senza coinvolgere i giovani non dureranno", ha detto Salahuddin Qazizada, docente universitario e partecipante ad uno degli eventi televisivi a Badakhshan l'anno scorso. "È essenziale che i giovani siano ascoltati e che i giovani partecipino agli sforzi per creare pace e stabilità nel paese", ha sottolineato.

L'importante ruolo dei leader della comunità nella promozione e protezione dei diritti umani è stato al centro di un evento sostenuto dall'ONU nella provincia sudorientale di Ghazni, in Afghanistan.

Circa 40 studiose religiose, attiviste per i diritti delle donne, giornaliste e altri leader della comunità si sono riuniti per un simposio di un giorno all'inizio di febbraio per discutere di come la società civile potrebbe rafforzare le proprie comunità aumentando la consapevolezza dei diritti umani e ponendo in essere migliori meccanismi atti a  proteggere tali diritti.

Un partecipante, Abdul Mosawir Omer, ha chiesto il rafforzamento dello stato di diritto e l'istituzione di meccanismi pratici per proteggere i diritti umani e sostenere i difensori dei diritti umani. "Abbiamo bisogno di solide misure per dissuadere gli autori delle violazioni", ha sottolineato Omer, attivista della società civile.

Altri partecipanti hanno messo in evidenza le numerose sfide che le comunità della provincia sud-orientale devono affrontare, tra cui la violenza contro le donne e le violazioni dei diritti umani risultanti dal conflitto armato in Afghanistan.

Mentre la discussione si è rivolta all'istruzione, i partecipanti hanno chiesto investimenti nelle scuole ed in iniziative di sensibilizzazione della comunità per promuovere i diritti umani, in particolare quelli delle donne ".

"L'Afghanistan dovrebbe prestare maggiore attenzione all'istruzione", ha affermato Wakil Ashrafi, attivista della società civile. "Senza una società istruita, è difficile affrontare i diritti umani".

Gli sforzi dei leader religiosi e della comunità per promuovere la pace e la riconciliazione nel sud del Paese e in tutta la nazione sono stati rafforzati da una serie di eventi sostenuti dalle Nazioni Unite nel corso del 2019 che hanno consentito a centinaia di Ulema e anziani tribali di discutere gli approcci migliori in circostanze difficili.

Un leader tribale, Azeem Khan Samandar, ha dichiarato all'UNAMA in un'intervista che Ulema (studiosi religiosi), come custodi della pace, continueranno a predicare l'unità e lavoreranno per la pace come hanno fatto nel corso della storia.

"Abbiamo parlato nelle nostre comunità, esprimendo opinioni diverse sul processo di pace", ha osservato Samandar, un partecipante regolare a eventi sostenuti dalle Nazioni Unite. Samandar ha affermato che gli afgani, nonostante le loro differenze, sono uniti nella loro richiesta di pace. "Nonostante le nostre diverse prospettive, tutti hanno sete di pace", ha detto.

L'anziano della comunità, Haji Neamathullah, era d'accordo. "Nei miei impegni e discussioni private con i miei concittadini, la prima cosa che emerge sempre è la domanda e la speranza di pace nel nostro paese", ha affermato Neamathullah. "Tutti in questo paese sono stufi della violenza e cercano un nuovo capitolo di pace".

Gli Ulema afghani svolgono un ruolo essenziale nel fissare standard morali ed etici per le loro comunità. Spesso lavorano come mediatori di pace e sono rispettati a tutti i livelli della società, esercitando la loro influenza sulle decisioni individuali e della comunità.

Tradizionalmente, le controversie locali sono state risolte con il loro intervento, una tradizione che è continuata sino ad oggi, specialmente in quelle parti del sud senza un sistema giudiziario formale.

All'inizio dell'anno, durante una delle discussioni a Helmand, uno studente, Mawlwai Obaidullah Akhunzada, ha sottolineato che ogni afghano ha il dovere religioso di costruire e arrivare alla pace. "Questo è il dovere di un musulmano, di mediare tra gli altri fratelli in conflitto", ha detto Akhunzada. "Se non contribuiamo a creare la pace, non avremo mai la pace", ha detto.

In altri forum sia a Helmand che a Kandahar, i partecipanti hanno ribadito l'importanza del dialogo e delle discussioni pubbliche. "Abbiamo bisogno di più discussioni per mantenere il dialogo e lo slancio in corso", ha affermato Mawlwai Mohammad Dawood Modaqeq, aggiungendo che sebbene il cambiamento possa sembrare lento, "sempre più persone stanno discutendo di pace e di come ne possono essere coinvolti". [IDN-InDepthNews - 01 marzo 2020]

Foto: i leader della comunità in Afghanistan elaborano una strategia per i diritti umani. Credito: UNAMA

Newsletter

Striving

Striving for People Planet and Peace 2020

Mapting

MAPTING

Fostering Global Citizenship

Partners

SDG Media Compact


Please publish modules in offcanvas position.