NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand

SDGs for All

SDGs for All is a joint media project of the global news organization International Press Syndicate (INPS) and the lay Buddhist network Soka Gakkai International (SGI). It aims to promote the Sustainable Development Goals (SDGs), which are at the heart of the 2030 Agenda for Sustainable Development, a comprehensive, far-reaching and people-centred set of universal and transformative goals and targets. It offers in-depth news and analyses of local, national, regional and global action for people, planet and prosperity. This project website is also a reference point for discussions, decisions and substantive actions related to 17 goals and 169 targets to move the world onto a sustainable and resilient path.

Foto: un passeggero si lava le mani usando il nuovo dispositivo prima di salire a bordo di un veicolo di servizio pubblico presso il Muangatsi Market Center Bus Stage, nella contea di Busia, in Kenya. Credito: Kevin Wafula.

Di Justus Wanzala

BUSIA, Kenya (IDN) –  È un caldo pomeriggio in una stazione degli autobus al centro del mercato di Mungatsi, nella sub-contea di Nambale, nella contea di Busia, nel Kenya occidentale. Molte persone, un gran numero di loro viaggiatori, fanno la fila per lavarsi le mani. Ogni persona mantiene una distanza dall'altra mentre si lavano le mani e salgono a bordo dei veicoli di servizio pubblico diretti verso le loro varie destinazioni.

Foto: i leader della comunità in Afghanistan elaborano una strategia per i diritti umani. Credito: UNAMA

Di Bernhard Schell

DOHA | KABUL (IDN) - Donne, giovani, leader di comunità e religiosi in Afghanistan hanno sempre desiderato ardentemente la pace e si preparavano seriamente per essa molto prima che gli Stati Uniti firmassero un accordo storico con i talebani il 29 febbraio.

L'accordo prepara il terreno per porre fine alla più lunga guerra americana, che si protrae da oltre 18 anni, e consente al presidente Donald Trump di iniziare il promesso ritiro delle truppe americane. Le forze statunitensi e i loro alleati sono presenti in Afghanistan dal 2001.

Foto: Mario Marazziti, co-fondatore della World Coalition Against the Death Penalty nel 2002 e membro della Camera dei deputati italiana. Credit: Katsuhiro Asagiri | Direttore  dellaINPS-IDN Multimedia.

Di Katsuhiro Asagiri

TOKYO (IDN) – Una conferenza internazionale "No Justice Without Life" ha sollecitato il Giappone a sospendere tutte le esecuzioni l'anno prossimo, l'anno dei Giochi olimpici. Il Giappone è una delle 56 nazioni che detengono la pena capitale, nota anche come pena di morte o condanna a morte per reati capitali. Difatti, Giappone, Stati Uniti e Corea del Sud sono le uniche nazioni nel gruppo delle economie sviluppate che eseguono la pena di morte.

Photo credit: unfccc.int.

Di Shanta Roy

NEW YORK (IDN) – Nonostante fosse stato annunciato come un meeting di alto livello per tutti i leader politici del mondo, il tanto pubblicizzato Climate Action Summit, che si è tenuto il 23 settembre presso le Nazioni Unite, non è cominciato nel migliore dei modi.

Malgrado i disperati avvertimenti del segretario generale dell’ONU, António Guterres, riguardo un’imminente “emergenza climatica”, che porterà uragani, siccità, alluvioni e ondate di calore, al summit si sono presentati solo sessantaquattro rappresentanti, per lo più capi di governo e di stato.

Di Ronald Joshua

NEW YORK | BAMAKO (IDN): Fatou Dembele è un’agricoltrice del Mali, nel quale la metà della popolazione che si occupa di agricoltura è composta da donne. L’agricoltura è un settore fondamentale nel tentativo di sollevare le donne dal proprio stato di povertà. Ma il degrado della terra e delle risorse naturali in aumento, dovuto ai cambiamenti climatici, rende le donne più vulnerabili.

Pertanto, quando le piante di Dembele hanno iniziato a morire, ha pensato che il proprio pezzo di terra fosse rovinato, e che i suoi mezzi di sostentamento fossero a rischio. “Credevamo che la terra fosse malata. Non sapevamo ci fossero parassiti che attaccavano le radici delle piante e le uccidevano,” dice Dembele.

Di Jaya Ramachandran

BERNA (IDN) – La rete internazionale Sustainable Development Solutions Network (SDSN) ha lanciato il suo venticinquesimo network, SDSN Switzerland [SDSN Svizzera], copresentato dal Centre for Development and Environment at the University of Bern e da BIOVISION Foundation, una fondazione per lo sviluppo ecologico, nell'ottica di creare un dialogo con più parti interessate, promuovere soluzioni per uno sviluppo sostenibile e dare indicazioni a chi prende decisioni rispetto all'implementazione dell'Agenda 2030 e dell'Accordo di Parigi sul clima.

Di Kizito Makoye

DAR ES SALAAM (IDN) – Nonostante gli sforzi profusi per promuovere l’uguaglianza di genere, in Tanzania donne e ragazze restano cittadine di serie B, in gran parte non sfruttate nelle loro potenzialità e spesso soggette a discriminazione e violenza da parte maschile, a causa dei pregiudizi di un sistema dominato dagli uomini che, spesso, mette a rischio la stessa sopravvivenza delle donne.                                                                          

Tuttavia, in ottemperanza agli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goal – SDG) dell’ONU, sono in corso varie iniziative per l’empowerment delle donne, anche se esse incontrano ancora ostacoli che ne impediscono il raggiungimento del pieno potenziale.

Di Kalinga Seneviratne

CHANTABURI, Nord-est della Thailandia (IDN) - Un appassionato medico, conscio della situazione sociale, di questa comunità rurale nel nord-est della Thailandia sta lavorando con una scuola per bambini emarginati, sostenuta da una fondazione fondata dalla principessa Maha Chakri Sirindhorn, la secondogenita del defunto re Bhumibol, morto nell'ottobre 2016.

La scuola mira a responsabilizzare gli studenti ad entrare nel settore della medicina attraverso un percorso di carriera non convenzionale, che fornisce un molteplice approccio per affrontare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs).

Foto: Forum di Paesaggi Globali. Credito: Pilar Valbuena

Di Fabíola Ortiz

BONN (IDN) - Il degrado delle foreste e la perdita di biodiversità comportano un prezzo molto pesante per il clima e la vita delle persone. Il ripristino delle foreste è importante quando si tratta di aumentare la resilienza alle variazioni climatiche e garantire un ambiente sano per le generazioni future. Questo è stato il messaggio principale degli esperti e dei leaders che si sono incontrati a Bonn (19-20 dicembre 2017) per discutere un percorso più sostenibile per la preservazione ambientale.

"Dovremmo smettere di vedere le popolazioni indigene, le risorse naturali e le foreste come un problema. Potremmo vederli come una soluzione ", ha detto Robert Nasi, direttore generale del Center for International Forestry Research (CIFOR) che ha ospitato il Global Landscapes Forum;una grande piattaforma basata sulla scienza dell''uso sostenibile del territorio.

Page 1 of 2

Striving

Striving for People Planet and Peace 2019

Mapting

MAPTING

Fostering Global Citizenship

Partners

SDG Media Compact


Please publish modules in offcanvas position.